Tuesday, October 10, 2006

MINESTRA PORTODANZESE


la foto è tratta da www.anzio.net
Questa ricetta mi è stata descritta oralmente sulla spiaggia di Anzio questa estate da un signore portodanzese che di pesce e pesca ne ha da insegnare a tutti. Mio marito tante esperienze di pesca, perché anche lui portodanzese, le ha avute con lui...
Sta minestra è veramente povera, ma di un gusto sopraffino.
Si fa con i pesci più poveri che si trovano, in genere quelli da frittura. Se avete la fortuna di capitare al porto di Anzio quando rientrano i pescherecci vi comprate una di quelle cassette che restano all'equipaggio.
Per quattro persone



pesce fresco di paranza 400 gr.
una cipolla
una carota
uno spicchio di aglio
una costa di sedano
una patata
due pomodori piccoli
prezzemolo
peperoncino fresco a piacere
olio evo
sale
spaghetti spezzati 350 gr.


Mettere in una pentola capiente tutte le verdure tagliate a pezzetti con un bel po' d'olio evo. cominciare a far soffriggere, aggiungere i pesci, il sale e far cuocere un pochino. Aggiungere un litro di acqua e portare ad ebollizione. Far cuocere finché i pesci e le non saranno stracotti.
A questo punto filtrare il brodo e passare al passaverdure tutto il solido. Rimettere sul fuoco il brodo con il passato e riportare ad ebollizione. Quando il brodo bolle versare gli spaghetti e cuocerli al dente.
Servire calduccia e lasciarsi andare.
E' così buona che io queste dosi a volte le uso per due persone...

10 comments:

Anonymous said...

Io purtroppo al momento non sopporto la puzza di pesce, ma appena termino la gravidanza testo 'sta ricetta. Ad Anzio non ci passo, ma a Borgo Sabotino sì :)

adelina said...

ciao, adoro le minestrine, il pesce non lo so cucinare, se non in maniera classica e ortodossa...un brodino così mi fa proprio gola asssssai!
qui a Napoli la paranza la trovo sempre...ti farò sapere...
credo che anche io farò una dose abbondante!!!

il maiale ubriaco said...

squisitamente povera. E da provare in contemplazione del mare d'autunno. Ci piace ci piace.. Ste-

fa said...

Mia nonna usava l'arzilla e aggiungeva qualche pezzo di cavolo romano...
:)

veronica said...

@fa quella infatti è un'altra cosa... è la minestra, romana, di broccoli e arzilla...
questa è una minestrina di pesce!

Francesca said...

bella questa minestrina, ottima per usare il pesce di paranza senza friggerlo Mi piace

Tulip said...

veronicaaaaaaaa......
la ricettina please.......!!!

:))))

Anonymous said...

Buona... con questo weekend grigio e di piaggia mi ci vorrebbe proprio.
Ciao.

Tulip said...

Ehi!!

COme stai??

un abbraccio forte!!

veronica said...

sto benino tulip.. aspetto che nasca.. sembra volerlo fare in questi giorni!!!